CIBUS VIATORUM TABERNACOLI DA VIATICO TRA XVI E XX SECOLO

cache_194d8721736f745d388d69d112de08bc_dc5d1ce2138aea6198c7966a19e6c825

CIBUS VIATORUM

TABERNACOLI DA VIATICO TRA XVI E XX SECOLO

PINACOTECA CIVICA “IL GUERCINO”, CENTO

3 DICEMBRE 2010 – 16 GENNAIO 2011

Inaugura Venerdì 3 Dicembre 2010 la mostra

“Cibus Viatorum. Tabernacoli da viatico tra XVI e XX secolo”,

a cura di Lorenzo Lorenzini e Paolo Roversi

e organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Cento.

Alle ore 18.00,

conferenza di presentazione presso la Sala Zarri di Palazzo del Governatore

durante la quale interverranno:

Don Tiziano Trenti

Archivista Arcivescovile – Arcidiocesi di Bologna

Dr. Paolo Fabbroni, Storico dell’Arte

Direzione Regionale Emilia Romagna Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Dr. Luigi Odorici, Vicedirettore Generale

Gruppo Bancario Banca Popolare dell’Emilia Romagna.

Al termine della conferenza seguirà una visita guidata alla mostra presso la

Pinacoteca Civica “Il Guercino”, dove i tabernacoli saranno visibili sino al 16 Gennaio 2011.

I tabernacoli da viatico, utilizzati per portare la comunione nelle case dei fedeli

impossibilitati a recarsi in Chiesa, fanno parte delle molte suppellettili liturgiche

cadute in disuso con il Concilio Vaticano II del 1962.

Talvolta la loro forma richiama un mobile, un libro, uno scrigno; altre volte è

semplicemente quella di un’anonima scatola ma, una volta aperti, rivelano dorature,

sete preziose e pitture a ricreare uno spazio sacro nella camera dell’infermo. Molti

sono corredati di candelieri miniaturizzati, altri conservano la loro pisside – il

contenitore dell’ostia consacrata- d’argento o di metallo dorato.

I circa cinquanta pezzi esposti presso la pinacoteca civica di Cento appartengono a una

collezione privata e sono frutto di anni di ricerche appassionate tra mercatini di

provincia e grandi eventi d’antiquariato.

Tra il tardo Cinquecento e il Novecento è possibile dunque cogliere non solo

l’evoluzione stilistica di questi oggetti ma anche il loro valore sacro; a questo scopo è

stata ricostruita con paramenti originali e sulle basi di testimonianze pittoriche la

scena del viatico.

 Ingresso gratuito.

 

Potrebbero interessarti anche...